Notizie di Sport

I dorici giocano meglio ma vengono stesi da un gol di Ciani. L'Arena Garibaldi tabù dal novembre 1961

Calcio Lega Pro - Ancona, Pisa è tabù da 54 anni

20 settembre 2015 19:10




Il massimo risultato con il minimo sforzo per il Pisa. Così un’Ancona spuntata, a cui non basta giocare meglio e fare per lunghi tratti la partita, incassa la prima sconfitta della stagione all’Arena Garibaldi. Niente bis, insomma, nel doppio viaggio toscano cominciato col successo di Prato. Pisa è stregata: qui l’Ancona non vince dalla bellezza di 54 anni. Stavolta il dispiacere glielo regala un ex Ascoli, Ciani. Grazie all’1-0 firmato dall’albanese i nerazzurri di Gattuso, davanti a 7mila tifosi e con una partita in meno come i dorici, restano in scia della capolista Spal, a punteggio pieno. 
Ancona con una sola novità rispetto a Prato: Adamo per Parodi, e Cazzola arretrato al posto del ragazzo scuola Torino. Gattuso (nella foto) all’ultimo deve rinunciare a Di Cuonzo, al suo posto c’è Golubovic, e dopo 22’ perde Di Tacchio. Pronti via, al 5’ Mallus in anticipo sventa il primo pericolo. Il Pisa passa al 19’: sul tiro di Verna, respinta corta di Lori, ecco Cani di testa per l’1-0 che deciderà la partita. L’Ancona sfiora il pari al 28’: Adamo pesca centralmente il movimento di Cognigni. L’attaccante biancorosso col piatto incrocia sul secondo palo, ma Bacci devia in angolo. Deluso il centinaio di tifosi arrivati da Ancona. Preoccupato Gattuso, anche di più Cornacchini, co,mpagno di squadra di Ringhio per pochi mesi a Perugia, nel ’95.  
Nella ripresa subito Pedrelli, ma la sua punizione dal limite del terzino dorico è alta (21’). L’Ancona vuole il pari e allora le prova tutte: fuori Cazzola, dentro Di Mariano. Al 28’ buona combinazione fra lo stesso Di Mariano e Casiraghi, con quest’ultimo che conclude, ma debolmente. E l’ex Gubbio si dispera. Mannini prova a svegliare il Pisa con una rovesciata (29’). Subito dopo Di Mariano perde la testa: la manata allo stesso Mannini gli costa il cartellino rosso. Ancona in dieci nel finale. La partita dell’esterno d’attacco scuola Roma è durata appena 5 minuti. Si rianima il Pisa, ma Polverini da buona posizione spreca. Poi tocca ancora a Mannini, con Lori reattivo che respinge. Nel finale Cani rimedia due ammonizioni in poco più di un minuto. Ma per l’Ancona è troppo tardi. Fin troppo evidente che ai biancorossi manchi un altro centravanti. Ma, sfumato anche Tavares, bloccato per un mese e però al dunque lasciato andare al Messina, è facile che fino a gennaio l’Ancona resterà così. Ossia con 8 pedine tra esterni, trequartisti e mezze punte e un solo centravanti di ruolo: Cognigni.


TAGS: calcio , lega pro , ancona , pisa , arena garibaldi , , pisa-ancona giovanni cornacchini gennaro gattuso
 

di Redazione, Fonte: Vera Tv

 
Letta 970 volte
Commenti alla notizia
Non sono ancora presenti commenti. Vuoi essere il primo a scriverne uno ?
Per inserire un commento devi effettuare il login. Se non sei registrato, effettua prima la registrazione

Inserisci le credenziali di accesso

 
 

Non sei registrato? Clicca qui
Hai dimenticato la password ?

Supermercati Elite PicenAmbiente NEPI arredamenti Mail Express Poste Private CityPoste Payment LepidoRent banner Pubblicità su VeraTV