Notizie di Cronaca

Alla base del duplice omicidio ci sarebbe la scoperta di una relazione fra le due donne

Chieti - Settanta coltellate, così Marfisi ha ucciso la moglie e la sua giovane amica

20 aprile 2017 09:48




Una ventina di coltellate, tutte concentrate nella zona toracica, la metà delle quali a livello cardiaco, così è stata  uccisa dal marito Letizia Primiterra, 47 anni. Il femminicidio è stato compiuto lo scorso 13 aprile ad Ortona dal cinquantenne, Francesco Marfisi, che subito dopo ha colpito a morte con 50 coltellate anche l'amica della donna, Laura Pezzella, di 33 anni.  Una vera e propria furia omicida.

Lo ha rivelato l'autopsia effettuata ieri a Chieti dal dottor Pietro Falco, responsabile della Medicina Legale dell'Asl di Chieti. L'esame, iniziato alle 7, si è concluso alle 14. Le coltellate hanno provocato lacerazioni a livello cardiaco e polmonare, inoltre sulla donna sono state riscontrate lesioni da difesa ad una mano. Nel corso dell'autopsia, i cui risultati definitivi si conosceranno almeno fra 60 giorni, sono stati effettuati prelievi di liquidi e materiale biologico per l'esame del Dna.

Alla base del duplice omicidio ci sarebbe la scoperta, da parte di Marfisi, di una relazione fra le due donne. L'uomo è in carcere, in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Chieti Luca De Ninis.


TAGS: chieti , femminicidio , duplice omicidio , donne , uccise , Letizia Primiterra , Laura PezzellaFrancesco Marfisi , veratv , autopsia , coltellate ,
 

di Redazione, Fonte: Vera tv

 
Letta 759 volte
Commenti alla notizia
Non sono ancora presenti commenti. Vuoi essere il primo a scriverne uno ?
Per inserire un commento devi effettuare il login. Se non sei registrato, effettua prima la registrazione

Inserisci le credenziali di accesso

 
 

Non sei registrato? Clicca qui
Hai dimenticato la password ?

PicenAmbiente Santo Stefano Riabilitazione NEPI arredamenti Mail Express Poste Private CityPoste Payment LepidoRent banner Pubblicità su VeraTV