Piano Rifiuti, gli ambientalisti chiedono un confronto a Spazzafumo: “Evitiamo di fare impianti sovradimensionati”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Chiedono un confronto con il neo-sindaco di San Benedetto Antonio Spazzafumo le associazioni ambientaliste e le liste civiche che si richiamano all’area della sinistra. In una lettera, che pubblichiamo di seguito, la nota con la quale si auspica un confronto relativo al Piano dei Rifiuti approvato lo scorso 12 ottobre dall’Ata Ascoli Piceno.

***

Le scriviamo come Movimenti, Associazioni, Comitati, cittadine e cittadini preoccupati che si sono attivati in relazione alla preoccupante situazione che sta vivendo il territorio provinciale a relativamente alla deliberazione dello scorso 12 ottobre dell’Ata Ascoli Piceno con l’approvazione di un piano rifiuti che prevede la realizzazione di tre mega impianti sovradimensionati rispetto alle esigenze locali come la vasca zero per oltre 900 mila metri cubi di discarica e il Biodigestore da 40 mila tonnellate e il Tmb per trattare 80 mila tonnellate di rifiuti.

Siamo estremamente preoccupati per la salute pubblica e per il futuro del nostro territorio e per le ricadute che questi impianti così sovradimensionati (più di tre volte i fabbisogni) avranno sulla nostra salute e su quella dei nostri figli destinando questo territorio ad accogliere i rifiuti provenienti da altre località.

Sappiamo che tecnici ed avvocati stanno lavorando per un ricorso al Tar contro tale decisione e per l’annullamento della deliberazione del 12 ottobre sia perché il presidente Fabiani era decaduto dal ruolo e sia perché l’amministrazione comunale che Lei oggi rappresenta era in fase di ballottaggio e il Sindaco uscente poteva gestire solo l’ordinario mentre riteniamo che tali decisioni abbiano valenza straordinaria poiché impegnano territorio ed amministrazioni per un lungo arco di tempo.

Ci rivolgiamo a Lei perché vorremmo confrontaci sulle prospettive relative alla gestione provinciale dei rifiuti e presentare le nostre perplessità frutto di lavoro e confronto di anni su questi temi.

Le chiediamo, quindi, un incontro con una nostra ristretta delegazione per un confronto sull’argomento da svolgersi in tempi rapidi viste le scadenze in essere.

Di seguito le associazioni e le liste firmatarie:

Acli Terra Ascoli Piceno, Arci Piceno Fermano, Ascolto & Partecipazione, Associazione di Valorizzazione e tutela della Valdaso, Associazione I Care, Cambia San Benedetto, Casa Comune Fermo, CittadinanzAttiva Ascoli Piceno, CittadinanzAttiva San Benedetto, Comitato Aria Pulita Castel di Lama, Comitato Ci Rifiutiamo Ascoli Piceno, Comitato Fermiamo il consumo di suolo, Comitato spontaneo Acqua Pulita, Comitato spontaneo Le buone acque del Pescara, Comitato Tutela del Bretta, Dipende da noi Ascoli Piceno, Dipende da Noi Fermo, Gas Gaspe Ascoli Piceno, Legambiente Ascoli Piceno, Legambiente circolo Lu Cucale San Benedetto, Obiettivi Comuni per Offida, Tavolo Piceno Acqua Bene Comune.

leave a reply