Provincia di Ascoli Piceno – Altro colpo di scena, l’ente è stato commissariato

Ennesimo colpo di scena, a pochi giorni dalle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale di Ascoli Piceno in programma il prossimo 18 dicembre.

Il prefetto Carlo De Rogatis ha nominato la dottoressa Malgari Trematerra, viceprefetto in servizio proprio sotto le cento torri, come commissario straordinario per la gestione dell’ente di palazzo San Filippo.

Al commissario, per legge, sono assegnati i poteri spettanti al presidente della Provincia e all’intero consiglio provinciale. Logicamente, il compito della Trematerra sarà limitato ai prossimi dieci giorni, in quanto è stata chiamata a traghettare l’ente fino alle elezioni, svolgendo esclusivamente mansioni di ordinaria amministrazione.

D’altronde, anche se per pochi giorni, era probabilmente necessario che la Provincia fosse guidata da qualcuno, visto che potrebbero sorgere all’improvviso emergenze dovute al maltempo e dunque alla viabilità. Situazioni, queste, alle quali la Provincia dovrebbe comunque mettere mano, anche se non c’è ancora il nuovo consiglio provinciale.

Da qui la decisione del prefetto di nominare, appunto, Malgari Trematerra come commissario. “La nomina in questione – si legge, infatti, nella nota diffusa dalla prefettura – si è resa necessaria in seguito alle dimissioni di tre consiglieri di minoranza e alla riscontrata impossibilità di procedere alla surroga degli stessi per la mancanza di consiglieri eletti. Tale situazione aveva determinato la riduzione di oltre la metà del numero di consiglieri, con la conseguente impossibilità di funzionamento del consiglio provinciale. Il commissario prefettizio – conclude la nota – assicurerà la continuità della gestione dell’ente fino alle elezioni degli organi di amministrazione, previste per il prossimo 18 dicembre”.

A proposito di elezioni, vale la pena ricordare che a votare saranno i 431 amministratori dei 33 comuni del Piceno. Dopo la recente esclusione della lista di centrodestra (a proposito di colpi di scena), è rimasta in lizza solo la lista a sostegno del candidato presidente Sergio Loggi, sindaco di Monteprandone. Dunque, a comporre il nuovo consiglio saranno sicuramente tutti coloro che si sono candidati alla carica di consiglieri in tale lista, ovvero Giovanni Borraccini di Rotella, Isabella Bosano di Offida, Luca Cristofori di Castel di Lama, Stefano Novelli di Grottammare, Daniele Tonelli di Folignano e i sanbenedettesi Aurora Bottiglieri, Luciana Barlocci, Simone De Vecchis, Serena Silvestri e Marco Teodori.

Si voterà, comunque, dalle 8 alle 20, anche se il ritorno alle urne rappresenterà solo un atto formale.

leave a reply