Untore hiv: Cassazione conferma condanna a 16 anni e 8 mesi

Ancona - L'untore di Hiv, Claudio Pinti, potrebbe tornare in carcere

ANCONA – La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 16 anni e 8 mesi inflitta in primo e secondo grado a Claudio Pinti, 38 anni di Montecarotto, per avere trasmesso il virus dell’Hiv consapevolmente alla sua compagna, morta nel 2017, e poi di avere contagiato anche la sua ex fidanzata.

Respinto quindi il ricorso della difesa dell’imputato, attualmente in carcere a Montacuto, rappresentata dall’avvocato Massimo Rao Camemi. La sentenza per Pinti diventa ora definitiva.

Pinti era stato arrestato il 12 giugno 2018 dalla Squadra Mobile di Ancona per lesioni personali gravissime, dopo essere stato denunciato dalla ex fidanzata Romina Scaloni, ma è stato poi condannato anche per omicidio volontario per la morte della compagna.

leave a reply