Cosenza-Ascoli 1-3: Bidaoui esagerato e bianconeri inarrestabili in trasferta

COSENZA – L’Ascoli da esportazione, capace di infilare la settima vittoria lontano dallo stadio Del Duca. L’Ascoli esagerato, con altri 3 gol dopo i 4 di Terni. Così la squadra di Sottil, in attesa della partita di domani del Cittadella a Vicenza, torna all’ottavo posto, a quota 32, sull’ultimo gradino playoff.

Senza 7 pedine, l’allenatore bianconero inaugura il girone di ritorno con 3 cambi rispetto alla prima gara del 2022. Le novità: Falasco, all’esordio, Eramo e Saric, che si piazza dietro le punte.

Prima del via osservato un minuto di silenzio in memoria di Gianni Di Marzio. E Cosenza col lutto al braccio. Subito lo spunto di Bidaoui: palla per Tsadjout e deviazione provvidenziale di Rigione. Al 6’ l’Ascoli mette la freccia col piatto di Collocolo, servito da Eramo. Per il centrocampista, un ex peraltro, secondo gol in campionato. 0-1.

I calabresi reagiscono e mettono i brividi a Leali con il colpo di testa di Pandolfi. Poi tocca a Boultam sfiorare il pari.

La partita adesso si è fatta equilibrata. Ma prima delle mezzora ecco che si accende di nuovo Bidaoui: destro del belga, palo. È l’ultima emozione del primo tempo.

Il minuto di silenzio prima del via e lo striscione dedicato a Di Marzio (foto Gianluca Di Marzio)

Quando si rientra dagli spogliatoi, Cosenza con la novità Vallocchia al posto di Situm. Ascoli subito vicino al raddoppio, con lo scatenato Bidaoui a servire Saric, il quale però calcia alto.

Al 52’ padroni di casa in dieci per la doppia ammonizione rimediata da Bittante, reo di una manata su Eramo. Eppure dopo appena 3 minuti ecco il pari: sulla punizione di Vallocchia ci scappa l’autorete, di testa, di Tsadjout.

L’Ascoli non ci sta. Prima il destro di Collocolo, poi l’ennesima giocata di Bidaoui. Intanto Sottil spedisce in campo Iliev (fuori Eramo). Al 70’ l’episodio: fallo in area di Tiritiello su Bidaoui, rigore. Dal dischetto Caligara firma il 2-1 con un sinistro deviato da Matosevic. Secondo gol consecutivo per il centrocampista.

Ora Ascoli in scioltezza. Vicino al gol Saric, poi Tsadjout se lo vede annullare per un fallo del compagno su Hristov. Il 3-1 matura all’86’, con Iliev che capitalizza il milionesimo spunto di Bidaoui (migliore in campo per distacco). Per il bulgaro, al secondo centro stagionale, digiuno interrotto dopo oltre 3 mesi.

Può bastare così. Per il Cosenza quinta sconfitta consecutiva allo stadio San Vito Marulla. L’Ascoli, invece, centra il secondo successo del 2022, il nono stagionale, rilanciando prepotentemente le proprie ambizioni.

 

Di seguito il tabellino di Cosenza-Ascoli 1-3.

COSENZA (4-3-1-2): Matosevic; Bittante, Rigione, Hristov, Liotti; Carraro (27′ st Florenzi), Palmiero, Situm (1′ st Vallocchia); Boultam (27′ st Caso); Pandolfi (9′ st Tiritiello), Millico. A disp.: Sarri, Corsi, Venturi, Pirrello, Cimino, Gerbo, Arioli. All.: Occhiuzzi.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Baschirotto, Bellusci, Quaranta, Falasco (47′ st D’Orazio); Collocolo, Caligara, Eramo (22′ st Iliev); Saric (39′ st Buchel); Tsadjout (39′ st De Paoli), Bidaoui (47′ st Palazzino). A disp.: Guarna, Raffaelli, Tavcar, Avlonitis, Salvi, Franzolini. All.: Sottil.

ARBITRO: Meraviglia di Pistoia.

RETI: 5′ pt Collocolo, 10′ st aut. Tsadjout, rig. 26′ st Caligara, 41′ st Iliev.

NOTE: osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Gianni Di Marzio, ex allenatore e dirigente del Cosenza. Presenti 892 spettatori per un incasso di 5.299 euro. Espulso all’8′ st Bittante per gioco violento (doppia ammonizione). Ammoniti: Eramo (A), Tsadjout (A), Millico (C), Falasco (A). Angoli: 3-3. Recuperi: 1′ pt, 4′ st.

leave a reply