Chiusa discoteca abusiva che in realtà era un circolo privato

FALCONARA MARITTIMA – Questa notte, la Tenenza Carabinieri di Falconara Marittima con la Divisione P.A.S.I. della Questura di Ancona, hanno messo i sigilli ad una discoteca abusiva in zona Rocca Priora che esercitava abusivamente attività di pubblico spettacolo. In realtà l’attività era già stata sanzionata dagli stessi militari lo scorso luglio e, dopo un periodo di inattività, sembrava aver chiuso definitivamente i battenti. Anche questa volta l’esercizio, che altro non sarebbe che un circolo privato culturale, aveva organizzato una serata danzante con la partecipazione di un noto disc jockey di origini toscane. Quasi un centinaio i giovani accorsi dalla provincia, richiamati dal tam-tam che imperversava negli spazi social locali. E così il passaparola è arrivato anche alle forze dell’ordine che hanno subito deciso di vederci chiaro. È stato così organizzato un controllo ispettivo nel corso del quale è emerso che la maggior parte degli avventori si era presentata nel locale effettuando il cosiddetto “tesseramento al volo”, richiamati dal clamore dell’iniziativa e dall’efficacia divulgativa di alcune piattaforme web di larghissimo uso tra i giovani. Una pratica che non è certamente in linea con lo spirito del libero associazionismo che dovrebbe costituirsi in associazioni senza scopo di lucro e non in forme di “diversa” impresa. I circoli privati devono avere natura e scopi diversi dagli esercizi pubblici e come tali non essere assoggettabili, in via generale, alla disciplina di questi ultimi. Sono quindi stati apposti i sigilli con un sequestro preventivo anche perché il locale risultava sprovvisto di licenza, il cui rilascio è subordinato alla concessione dell’Autorità di pubblica sicurezza a seguito di verifiche effettuate da una commissione tecnica per la solidità dell’edificio e l’esistenza di idonee uscite di sicurezza, aspetti per cui sono tuttora in corso ulteriori accertamenti avviati dai Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Ancona.

leave a reply