Fenni: “Per calzaturiero rischio boomerang sanzioni”

GROTTAMMARE – “Alcune aziende che lavorano esclusivamente per il mercato russo o ucraino hanno già interrotto la produzione, altre imprese stanno avendo difficoltà a ricevere i pagamenti della merce inviata perché dalla Russia non riescono a far partire i bonifici. La situazione è davvero tanto difficile, abbiamo bisogno di ristori immediati”: a dirlo all’ANSA è Valentino Fenni, vicepresidente nazionale di Assocalzaturifici, oltre che, a sua volta, imprenditore marchigiano del comparto. “Questo doveva essere l’anno della completa ripresa dopo 2 anni di covid, invece, rischia di essere l’anno in cui la nostra manifattura subirà un autentico tracollo, considerando anche i prezzi fuori controllo dei carburanti e dell’energia”, aggiunge l’imprenditore. “Le Marche – spiega – sono tra le regioni italiane che più risentono della guerra in atto. Il 12% del Pil regionale è dettato dall’export verso l’area interessata dal conflitto. Se non si interviene subito – sottolinea – sarà una catastrofe”. “Le sanzioni che si stanno applicando alla Russia – dice ancora Fenni – rischiano di trasformarsi in un boomerang per le nostre imprese e soprattutto potrebbero spalancare le porte dei mercati russi ai produttori cinesi e a quelli turchi che non hanno applicato alcuna sanzione. Insomma nei prossimi anni sugli scaffali dei negozi russi potrebbero scomparire le nostre scarpe”. “Nel 2021 – racconta il vicepresidente – in Russia l’Italia ha venduto 3 milioni e mezzo di paia di scarpe per un valore economico di 250 milioni di euro, in Ucraina 500mila paia, pari a 35 milioni di euro. Un terzo del valore complessivo di questi due mercati riguarda le Marche” sottolinea. “Già il nostro comparto negli anni ha subito delle perdite importanti, oggi dà ancora lavoro a oltre 15mila persone, compreso l’indotto, ma se non ci sarà un immediato stop delle ostilità e il governo non ci darà una mano, molti di questi posti scompariranno”, conclude Fenni.

leave a reply