Omicidio al Bar del Parco, al via analisi degli smarthphone sequestrati

PESCARA – Otto giorni fa il terribile agguato al Bar del Parco, a Pescara. Walter Albi, 66 anni, architetto, è stato ucciso, Luca Cavallito, 49enne, ex calciatore, è rimasto gravemente ferito. Gli investigatori mantengono il più stretto riserbo. E’ stato conferito oggi l’incarico al consulente tecnico della Procura di Pescara nominato di eseguire accertamenti sui telefoni cellulari trovati nell’ambito delle perquisizioni relative all’agguato. Un fatto di cronaca che ha scosso fortemente la città. Il sindaco Carlo Masci cerca di dare risposte sulla sicurezza. Domani altro tavolo in Prefettura.

Gli accertamenti tecnici non ripetibili, in particolare, riguardano 15 dispositivi riconducibili a Cavallito. Il consulente tecnico incaricato dal pm Andrea Di Giovanni, titolare del fascicolo contro ignoti, dovrà occuparsi di estrarre copia forense del contenuto degli smartphone. Considerata la complessità del caso, l’attività odierna è finalizzata a ricostruire gli affari e le relazioni tra i due e, più in generale, il contesto in cui è maturato il delitto. Gli inquirenti, peraltro, hanno in mano anche due smartphone trovati sul luogo dell’agguato: uno recuperato a terra, presumibilmente di Albi, e l’altro recuperato nello zaino di Cavallito. Il killer è invece riuscito a portare via il telefono che il 49enne aveva in mano prima di essere colpito. Al vaglio degli investigatori anche computer e tablet trovati durante le perquisizioni. Tutto porta a pensare che i due, il giorno dell’agguato, stessero aspettando qualcuno: un elemento confermato non solo dal loro atteggiamento, ma anche dal fatto che fossero seduti dallo stesso lato del tavolo e che avessero ordinato pizzette in quantità. L’autore dell’agguato sapeva che avrebbe trovato i due in quel bar e, quindi, diventa fondamentale capire con chi il 66enne e il 49enne avessero appuntamento. Dagli accertamenti è emerso che, prima del fatto, i due erano insieme da un paio di ore.
Sempre in giornata gli inquirenti ascolteranno nuovamente i familiari di Cavallito, per ottenere nuove informazioni e chiarimenti. Le condizioni cliniche del 49enne, tuttora ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione, sono definite stabili. Il ferito è sorvegliato h24 dalle forze dell’ordine.

leave a reply