Ancona, lo stadio Del Conero compie 30 anni

Spread the love

ANCONA – 6 dicembre 1992, 6 dicembre 2022: lo stadio Del Conero compie 30 anni. L’impianto di Passo Varano venne inaugurato in occasione di Ancona-Inter, un debutto perfetto, il migliore. 3-0 ai nerazzurri.

Dal vecchio e glorioso Dorico al Del Conero, il passo non era stato facile. Giornata sotto il diluvio e lavori non ancora completati: mancava una curva. Prima della sfida, in mattinata, il taglio del nastro. Politici, militari, prelati e tra loro anche gli operai. Cgc di Senigallia e impresa Rozzi: sette mesi di tour di force perché la squadra aveva fretta di andare in Serie A. La benedizione fu impartita da monsignor Maccari, le forbici al primo cittadino di allora, Franco Del Mastro.

Diciottomila spettatori. “Merito di Guerini, dei suoi ragazzi, di Lajos Detari. Una doppietta, quasi tre. Giocate di fino, un campione. Zenga espulso, il Cobra Pancev annientato, l’Inter al tappeto” scrive sul sito ufficiale la società biancorossa.

Le squadre in campo prima della partita

“Quel giorno, il 6 dicembre del 1992, fu una domenica particolare per il rione Adriatico. Senza assedio, soprattutto. L’Ancona aveva traslocato dal centro, ed era quello che desideravano in molti. Forse era vero, ma fino ad un certo punto. L’urlo del primo gol di Detari all’Inter sentito alla radiolina ha fatto scattare la nostalgia in chi abitava vicino al viale. Qualcuno incondizionatamente era corso addirittura alla finestra, ma il Dorico era muto. Il nuovo Stadio non si era portato via solo il caos. Con sé si era trasferito anche il cuore biancorosso. Nel libro dei ricordi ci sono immagini di sconfitte ma anche quelle di tante vittorie. Soprattutto c’è la storia della scalata dalla C1 alla Serie A. C’è stato anche un ritorno nel 2010, in Eccellenza dopo la mancata iscrizione in B. E’ stata una parentesi fugace, per poche gare. Tuttavia, pure chi ha maledetto per anni l’arrembaggio dei tifosi, quando anche oggi passa davanti al Dorico che peraltro sta rifiorendo, prova sempre tanta nostalgia”.

“Il Del Conero ha ospitato due campionati di Serie A, e sul prato verde, tra i più belli di Italia per tanti anni, ha giocato Van Basten (ultimo gol in Italia), ha debuttato il brasiliano Kakà. Solo per citare due fenomeni del calcio, ma ce ne sarebbero molti altri. L’Ancona ci ha disputato la finale di andata di Coppa Italia con la Sampdoria nel 1994. Ha giocato la Nazionale maggiore, l’Under 21. Senza dimenticare il Trofeo Tim, con Juventus, Milan e Inter. Insomma, tra successi e tragedie sportive, quante ne ha da raccontare il nostro Stadio. Che recentemente ha subito anche un importante restyling grazie all’intervento del Comune, pensando anche al futuro. Che speriamo possa essere il più roseo possibile. Buon compleanno Stadio Del Conero, auguri!”.

Foto US Ancona

  • Uno stadio come il Del Conero doveva essere fatto con tanto di pista olimpionica di atletica in modo di farlo usufruire a 360 per lo sport. E nelle adiacenze perché non fare anche una piscina olimpionica coperta. Il tutto per creare una vera Cittadella Sportiva di Ancona?

leave a reply